Nuova Zelanda, I positivi potranno essere prelevati dalle loro case e isolati in strutture anti-Covid

Il Primo Ministro della Nuova Zelanda Jacinda Ardern, ha presentato il piano del governo nel caso in cui il Covid-19 riesca a sgattaiolare attraverso il confine e ad entrare nella comunità.

 

Rivolgendosi al Parlamento, ha affermato che se emergessero casi nella comunità, il governo imporrà restrizioni a livello locale o regionale in primo luogo, piuttosto che a livello nazionale.

“La nostra priorità sarà controllare tutti i casi con le misure meno invasive e nella più piccola area possibile”, ha affermato.

“Dobbiamo guardare a Victoria, nel Nuovo Galles del Sud, a Hong Kong, a Singapore e in Corea per vedere esempi di altri luoghi che come noi avevano il virus sotto controllo in un determinato momento ma che lo hanno visto emergere di nuovo”.

Ora ci sono quasi 13 milioni di casi in tutto il mondo, dice Ardern quando la Nuova Zelanda ha chiuso i suoi confini per la prima volta il 19 marzo, c’erano solo 240.000 casi.

“Gli esperti ci dicono che anche con le migliori precauzioni possibili, le possibilità che il virus passi da una superficie o un contatto con qualcuno che è portatore sono elevate.

“Dobbiamo prepararci ora per quella eventualità e avere un piano pronto nel caso in cui lo faccia.”

Ardern ha affermato che il governo sarà guidato dalla scienza.

Dice che il governo ha imparato molto dalla prima ondata di Covid-19.

“Nessuno vuole tornare indietro ma la realtà è che … non è finita.”

“Ci sposteremo a livello locale o regionale … prima di passare a quello nazionale”.

Si tratta di preparazione, ha affermato, ed è importante fornire anche alcune garanzie alle imprese.

La struttura del livello di allerta può essere utilizzata a livello locale, nazionale o regionale, se necessario, ha affermato.

Ma il primo utilizzo sarà locale, ha detto.

“In termini pratici, ciò significa fare assolutamente tutto il possibile per evitare che l’intero paese ritorni ai livelli di allarme 3 o 4 come misura di ultima istanza.”

I tre scenari attualmente previsti sono:

Un caso o un numero di casi in una comunità

 

  • Potenti restrizioni possono essere applicate ma solo localmente in un quartiere, città o paese.
  • Le misure locali includerebbero la tracciabilità dei contatti e l’isolamento di casi e contatti, il ridimensionamento e l’isolamento mirato di persone collegate al caso, come compagni di lavoro, persone nella casa o nel quartiere.
  • Il resto del paese rimarrebbe probabilmente al livello 1.

Un numero maggiore di casi o un cluster in una regione

  • Aumento dei test
  • Il personale sanitario può andare porta a porta per testare le persone nelle aree colpite
  • Test della comunità molto più ampi oltre ai test di contatto
  • Spostamento regionale nel livello di allerta per limitare i viaggio
  • Restrizioni locali su riunioni e persone hanno chiesto di lavorare da casa

Cluster multipli che si sono diffusi a livello nazionale

  • Probabile un aumento a livello nazionale del livello di allerta

Le frontiere dovrebbero essere stabilite per contenere a livello locale o regionale e sarebbero supportate da agenzie, ha detto.

“Manterremmo un certo livello di flessibilità a seconda del tipo di epidemia che abbiamo”.

La Nuova Zelanda ha imparato che le cose si muovono rapidamente e dare più di 24-48 ore perderà di efficacia, ha detto.

 

Il ministro della Sanità Chris Hipkins ha affermato che la rapida individuazione dei positivi e dei loro contatti è di vitale importanza.

“Più precisi sono gli inizi, più mirati possiamo essere nel nostro approccio. Il sistema di tracciamento dei contatti sarà un punto di riferimento quando tutti i neozelandesi si registreranno correttamente compresi i luoghi dove sono stati.

“E se domani venisse notificato un caso, le persone positive al test per Covid-19 potrebbero essere rimosse dalla comunità e dalle loro case e messe in una struttura.

Hipkins ha affermato che stanno esaminando diverse opzioni per tracciare meglio gli spostamenti di tutti i positivi.

Ardern ha affermato che esiste un elemento di responsabilità personale in tutto questo.

 

Ma l’app NZ Covid Tracer non è una soluzione completa, ha affermato.

“Posso dire alla gente con il cuore che è un’app che si prende cura della tua sicurezza personale” conclude.

 

Fonte: https://www.rnz.co.nz/

Lascia un commento