Test PCR: ecco perché ci sono così tanti casi falsi positivi di COVID-19

I media mainstream sono ossessionati dalla segnalazione quotidiana di nuovi casi di coronavirus. Ma quanti di loro sono casi realmente autentici e quanti sono casi falsi positivi COVID-19? La domanda è rimasta in sospeso da un po ‘di tempo. Per saperlo dobbiamo capire come vengono effettuati i test sul coronavirus e come i casi vengono annunciati come positivi.

Falso positivo

Un falso positivo è un errore nella segnalazione dei dati in cui un risultato del test indica erroneamente la presenza di una condizione come malattia quando la malattia non è presente, mentre un falso negativo è l’errore opposto dove il risultato del test non riesce a indicare la presenza di una condizione quando è presente.

Attualmente ci sono due tipi di test diagnostici che rilevano il virus: test molecolari, come i test RT-PCR, che rilevano il materiale genetico del virus, e test antigeni che rilevano proteine ​​specifiche sulla superficie del virus.

Il test per il coronavirus è positivo. Forse non dovrebbe esserlo

I test standard del coronavirus generano ogni giorno un numero enorme di casi positivi. Questi test vengono eseguiti sulla base di protocolli OMS difettosi che sono progettati per includere anche casi di falsi positivi.

Un raro pezzo recentemente pubblicato sul New York Times spiega in dettaglio tecnico il problema con il più comune test COVID-19, il test PCR.

 

 

Alcuni dei principali esperti di salute pubblica stanno sollevando una nuova preoccupazione nel dibattito senza fine sui test per coronavirus negli Stati Uniti: i test standard stanno diagnosticando un numero enorme di persone che potrebbero essere portatrici di quantità relativamente insignificanti del virus.

Questo fatto è stato notato per la prima volta in pubblico dal dott. Beda M. Stadler, biologo svizzero, professore emerito ed ex direttore dell’Istituto di immunologia dell’Università di Berna.

Quindi, se eseguiamo un test covid19 PCR su una persona immunizzata, non è un virus che viene rilevato, ma una piccola parte frantumata del genoma virale. Il test torna positivo fintanto che sono rimaste minuscole parti frantumate del virus. Anche se i virus infettivi sono morti da tempo, un test covid19 può tornare positivo, perché il metodo PCR moltiplica anche una piccola frazione del materiale genetico virale abbastanza [da essere rilevato].

Nuove linee guida contro i protocolli dell’OMS difettosi

Dopo che il dottor Stadler ha fatto questi commenti in un’intervista, il CDC ha aggiornato le linee guida relative al nuovo test. La dichiarazione sul sito spiega chiaramente che per almeno 90 giorni dopo il recupero, i detriti virali possono essere rilevati nelle vie aeree di un paziente. Questo virus non è in grado di causare un’infezione perché non è in grado di replicarsi.

Successivamente, in un aggiornamento più recente, il CDC ha persino scoraggiato il test su persone asintomatiche, raccomandando di testare solo individui ad alto rischio e non tutti. La direttiva va direttamente contro i protocolli dell’OMS.

In tre serie di dati di test che includono soglie di ciclo, compilati da funzionari in Massachusetts, New York e Nevada, fino al 90% delle persone risultate positive al test non portava quasi nessun virus, ha rilevato una recensione del Times.

 

Giovedì, gli Stati Uniti hanno registrato 45.604 nuovi casi di coronavirus , secondo un database gestito da The Times. Se i tassi di contagiosità in Massachusetts e New York dovessero applicarsi a livello nazionale, allora  forse solo 4.500 di quelle persone potrebbero effettivamente aver bisogno di isolarsi e sottoporsi al tracciamento dei contatti.

In precedenza, il protocollo di test dell’OMS è stato persino messo in discussione dall’autorità sanitaria nazionale finlandese . L’OMS aveva invitato i paesi a testare il maggior numero possibile di pazienti per il coronavirus.

La Finlandia ha esaurito la capacità di test e ha iniziato a limitare i test sul coronavirus solo ai gruppi più vulnerabili e al personale sanitario. L’autorità sanitaria nazionale finlandese ha affermato che testare persone con sintomi lievi sarebbe uno spreco di risorse sanitarie.

In una rivelazione sorprendente, il capo della sicurezza sanitaria finlandese, Mika Salminen, ha respinto l’avviso dell’OMS affermando che l’  OMS non comprende le pandemie  e che il loro protocollo di test del Coronavirus è illogico e non funziona.

Quindi, se i protocolli di test dell’OMS sono effettivamente basati sulle tecnologie e metodologie di ricerca più affidabili, accurate e ben reperite disponibili in tutto il mondo, non avrebbero dovuto sapere della sua trascurabile efficacia e del suo impatto nel causare panico e caos? Infatti l’OMS sa che non funziona e inoltre non è la prima volta che vengono espresse critiche del genere.

In passato nel 2010, l’  OMS ha simulato una pandemia  ed è stata costretta ad ammettere che la sua metodologia di misurazione della viralità o della diffusione della malattia, invece che della sua gravità, non era corretta.

Il massimo esperto di influenza dell’OMS, il signor Fukuda, ha ammesso che il sistema in sei fasi dell’agenzia delle Nazioni Unite per dichiarare una pandemia aveva  seminato confusione su H1N1 , che alla fine non era mortale come l’influenza aviaria più temuta.

 

 

Lascia un commento